• 01

IL CONSORZIOFiliera Mangimistica

Il Consorzio di Ricerca Filiera Carni (CoRFilCarni) ha come elemento di riferimento il sistema agroalimentare per il settore della mangimistica, fornendo assistenza e consulenza ai produttori di alimenti per uso zootecnico, mangimi, alle aziende mangimistiche ed agli allevamenti.

I laboratori accreditati da Accredia, eseguono le analisi all'interno di un’ampia struttura dotata di strumentazione automatizzata ad alto profilo tecnologico utilizzando metodiche normate/ufficiali di analisi pubblicate su norme internazionali, nazionali o regionali, da organizzazioni tecniche, etc., ma anche sviluppate per soddisfare le specifiche esigenze dei clienti.

Ogni analisi eseguita viene controllata da tecnici qualificati che aggiungono al semplice risultato anche un servizio, a richiesta, di consulenza tecnica per gli usi richiesti grazie alla applicazione di strumenti innovativi e di ultima generazione che rispondono ai nuovi regolamenti europei dettati dall’ECHA (European CHemicals Agency) sull’utilizzo delle sostanze chimiche rispondendo anche alla Green Chemestry, non utilizzando solventi e sfruttando soprattutto la rapidità e la accuratezza analitica di queste strumentazioni.

Il CoRFilCarni ha aggiunto alla sua dotazione tecnologica il granulometro HAVER CPA 2-1, strumento fondamentale innovativo nel campo della mangimistica analizzando le eventuali differenze della taglia delle delle particelle che compongono il mangime, evidenziando in maniera accurata eventuali presenze di corpi estranei. Tutte le particelle di un campione che si trovano all'interno del campo di misura (34 micron a 25 millimetri) sono analizzati ed identificate in tempo reale. Su ogni singola particella viene analizzata: il rapporto lunghezza/larghezza, il perimetro, la circolarità, la sfericità, l’area, ecc.

Il granulometro è dotato di software che consente di visualizzare ed esaminare il contenuto all’interno di ogni setaccio virtuale (distribuzione della frequenza cumulativa basata sul volume (residuo), la densità di distribuzione, la distribuzione della frequenza cumulativa basata sulla quantità). Grazie a tutte le informazioni che si possono ottenere, è possibile valutare le dimensioni fisiche delle particelle che compongono sia le materie prime che i mangimi composti per cui la granulometria dei mangimi favorisce le produzioni modificando i tassi di digeribilità delle diverse componenti. La precisione e la rapidità che caratterizza il granulometro HAVER CPA 2-1 garantisce informazioni vantaggiose per rendere il proprio prodotto sempre più competitivo.

Da sempre il CoRFilCarni investe nelle innovative tecnologie analitiche puntando sulla spettrometria NIR (Near InfraRed) che si è la valida alternativa alle tradizionali metodologie di analisi, in virtù del fatto che è una tecnica rapida, semplice da impiegare, ma soprattutto non richiede una preparazione del campione, con un risparmio di manodopera, ed assenza di rifiuti di laboratorio.

Nel settore agro-alimentare la spettroscopia NIR è stata notevolmente impiegata per la determinazione di proteine, grassi, umidità, fibra, ceneri e amido su tutta la filiera, a partire dall’industria degli alimenti zootecnici e della mangimistica, per rilevare la presenza di farine animali, in matrici vegetali, fino al controllo qualità a valle delle linee di produzione. I laboratori CoRFilCarni sono dotati di 2 strumenti NIR (NIR System 6500 e NIR DS2500) nel campo della spettroscopia ad infrarossi. E’ proprio con queste tecnologie grazie soprattutto alle prestazioni offerte dalle strumentazioni, che il CoRFilCarni punta ad offrire nuovi servizi ai clienti:

  • Controlli di routine delle materie prime per un loro uso ottimale;
  • Controlli di routine in produzione per migliorare l’efficienza e l’economia;
  • Controlli del prodotto finale, per assicurare la qualità del prodotto venduto.

Grazie alla molteplicità delle curve di calibrazione in dotazione e migliorate nei laboratori del Consorzio di Ricerca, è possibile effettuare in pochi secondi analisi di materie prime (soia, mais, guar, etc…) e analisi delle materie prime secondarie provenienti dalla lavorazione industriale (sansa d’oliva, pastazzo di agrumi, scarti dell’ortofrutta, residui dei birrifici, dei pastifici, etc…).

Inoltre, un sistema di gestione informatizzato permette un servizio fidelizzato per i clienti di trasferimento delle informazioni e delle analisi collegandosi alla banca dati e controllando in tempo reale i risultati dei propri prodotti.

Esperienza, Ricerca ed Innovazione permettono al Consorzio di Ricerca di essere sempre ai vertici per i servizi riguardanti le analisi della qualità degli alimenti zootecnici.